google-site-verification: googlee552bc4c0d65a0b4.html

domenica 12 luglio 2015

" 'O quarto piano" di Prospera Paturnia

sultanto 'a casa nosta sta sulagna
foto Rosanna Bazzano



Napule già s’appiccia chianu chiano
na luce, na lucella, nu lampione
sulo ’a fenesta ’e chillu quartu piano
resta addurmuta sott’ a nu balcone

Settembre, ’e ssette â sera more ’o juorno,
’e viche s’appriparano p’ ’a festa,
lucene d’oro ’e strate tuorno tuorno
e pare ncannaccata ogne fenesta.

Sultanto ’a casa nosta sta sulagna,
senza calore, che malincunia!,
l’uocchie nzerrate ’e chi già se rassegna

pecché nun sonna cchiù ’e truvà na via;
ce ha dato ’a mano meglio ’e na cumpagna
ma ll’
âmmo fatto mala cumpagnia...

- Rosanna Bazzano, Prospera Paturnia

***

Traduzione

Napoli già si accende piano piano
una luce, lucine, un lampione
solo quella finestra al quarto piano
resta serrata sotto il suo balcone.

Settembre, già alle sette muore il giorno
le strade si preparano alla festa
sembrano d'oro le stradine intorno
e pare ingioiellata ogni finestra.

Soltanto casa nostra sta solinga
senza calore e senza frenesia
con gli occhi chiusi di chi si rassegna

perché non spera più ci sia una via
ci ha preservati come una compagna
ma non gli abbiamo fatto compagnia...

- Traduzione di Rosanna Bazzano


La casa è un topos letterario dalle vastissime accezioni metaforiche.
È il rifugio tout court, ma anche il riposo, il luogo mentale, la persona che ami, una parte anatomica...

Una casa trascurata è comunque sinonimo di scarso amore, e per la casa, e per le persone con cui si condivide...

" 'A bella Mbriana se piglia collera..." modo di dire napoletano*

* La bella Mbriana è lo spirito benigno della casa, si offende se la casa non viene onorata.


Nessun commento:

Posta un commento

Un tuo commento ci dà ragione di essere… se ci sei, batti un colpo!