google-site-verification: googlee552bc4c0d65a0b4.html

domenica 24 gennaio 2016

"Facite ammore cu mme!" di Luigi Stellato

Facite ammore cu mme!
Giovanni Boldini: John Singer Sargent


Facite ammore cu mme!

So’ bardascio, so’ signore,

tengo priegge ‘a ffà ‘ncantà !

Chi cu mme mmo vo’ ffà ammore

ccose grosse po’ sperà..

Chi truvà vo’ nu marito

guappo , bello… mo sta cca :

fa passà tutt’’e prurite

e vve sape accuntentà !!


Quanno ‘ncontro a na nennella

ca è zetella o mmaretata,

lle cumbino na resella

che lla ffà restà ‘ncantata..

A Signore e Signurine

faccio spisso suspirà ;

‘e mmudiste cu ‘e ssartine

pe mme stanno a spasemà !!


Si cammino pe Tuleto,

o p’’e cchiazze, i’ so’ ffermato,

sento a cchi mme dice arreto :

“ Che nennillo aggrazziato !”

Tanno i’ tutto m’arrecreo,

smiccio, tosso e sto a sputà

e me smerzo, me quartèo

cu na cera ‘e nu pascià !!


Voglio bbene a ttutte quante :

Vecchie, brutte e scartellate

ca si teneno ‘o ccuntante,

songo ‘a me cchiù rispettate.

Mo ll’argiante appara tutto,

‘a bruttezza ‘un fa vedè..

Chi cchiù gruosso tene ‘o butto

po, cchiù ampressa sposa a mme !!



- Luigi Stellato





Divertente ritratto del vanesio, o piuttosto del puttano, di colui che crede di possedere un fascino infallibile che gli consente di tenere le donne in pugno.
Figura che però non manca di suscitare tristezza, quella del don giovanni, amato da tutte ma incapace di amare altri che se stesso.
Suscità invece ilarità la fede incrollabile nel proprio fascino, la sua convinzione che il continuo mettersi in mostra, il suo continuo essere in vetrina (me smerzo, me quarteo), lo porterà a fare il colpo grosso trovando il miglior partito che c'è sulla piazza.
Un falso ideale, quello del benessere economico e della fama, che raggiungerà pagandolo il prezzo più alto: l'amore.

"Amare profondamente ci rende coraggiosi, essere amati profondamente ci rende forti." Lao Tze


Luigi Stellato, Napoli 1856-1925, poeta e canzonettista




Giovanni Boldini (Ferrara, 31 dicembre 1842 – Parigi, 11 gennaio 1931) è stato un pittore italiano.

« Per quanto superficiale e pieno di lenocini divenisse il suo lavoro, Boldini fu capace di trasmettere nello spettatore la gioia ispiratagli dalle assurdità che ritraeva. Anche il più insopportabile dei suoi ritratti rivela un immenso divertimento. »
(Cecil Beaton, The Glass of Fashion, 1955)






3 commenti:

  1. TOC! .... EVVIVA LAO TZE!
    MA SARGENT NON ERA UN PITTORE PURE LUI?
    S'ERA CIGOLOTIZZATO?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo, Fiore! Sì era un pittore, non so se fosse un dongiovanni, ma l'immagine l'ho scelta per la spavalderia che esprime...

      Elimina
    2. Beh, sì! L'immagine richiama proprio un atteggiamento (magari transitorio, adottato per l'occasione per fare da modello al personaggio della poesia?)anche un po' da guappetto. :-)

      Elimina

Un tuo commento ci dà ragione di essere… se ci sei, batti un colpo!