google-site-verification: googlee552bc4c0d65a0b4.html

mercoledì 9 dicembre 2015

da "È una vita che ti aspetto" di Fabio Volo

Ferdinand Georg Waldmüller, La lettera d'amore



"Con te sarò nuovo. Ti dico queste parole nel periodo migliore della mia vita, nel periodo in cui sto bene, in cui ho capito tante cose. Nel periodo in cui mi sono finalmente ricongiunto con la mia gioia. In questo periodo la mia vita è piena, ho tante cose intorno a me che mi piacciono, che mi affascinano. Sto molto bene da solo, e la mia vita senza di te è meravigliosa. Lo so che detto così suona male, ma non fraintendermi, intendo dire che ti chiedo di stare con me non perché senza di te io sia infelice: sarei egoista, bisognoso e interessato alla mia sola felicità, e così tu saresti la mia salvezza. Io ti chiedo di stare con me perché la mia vita in questo momento è veramente meravigliosa, ma con te lo sarebbe ancora di più.
Se senza di te vivessi una vita squallida, vuota, misera non avrebbe alcun valore rinunciarci per te. Che valore avresti se tu fossi l'alternativa al nulla, al vuoto, alla tristezza? Più una persona sta bene da sola, e più acquista valore la persona con cui decide di stare. Spero tu possa capire quello che cerco di dirti. Io sto bene da solo ma quando ti ho incontrato è come se in ogni parola che dico nella mia vita ci fosse una lettera del tuo nome, perché alla fine di ogni discorso compari sempre tu. Ho imparato ad amarmi. E visto che stando insieme a te ti donerò me stesso, cercherò di rendere il mio regalo più bello possibile ogni giorno.
Mi costringerai a essere attento. Degno dell'amore che provo per te. Da questo momento mi tolgo ogni armatura, ogni protezione... non sono solo innamorato di te, io ti amo. Per questo sono sicuro. Nell'amare ci può essere anche una fase di innamoramento, ma non sempre nell'innamoramento c'è vero amore. Io ti amo. Come non ho mai amato nessuno prima...". 


- Fabio Volo, lettera d'amore, da "È una vita che ti aspetto"



Cercavo altro, stanotte, quando mi sono imbattuta in questa lettera, un estratto di un libro che non ho letto, ancora.
Mi è piaciuto il concetto, questo non cercare nell'altro la salvezza, questo amare non come antitodo alla noia, come gioco da fare quando non si ha niente da fare. Capita di scambiare le persone con il mazzo di carte per il solitario, e invece l'amore è volere l'altro per quello che è l'altro per noi, non perché ci aiuta a passare il tempo che non sapremmo come meglio impiegare. Poi mi ha trovata concorde l'idea che l'amore  ci migliora perché è voler piacere all'altro, cercare di esserne degni, degni di qualcuno che per noi ha un valore immenso. E, infine, mi è piaciuto il concetto, ma è cosa cognita, che sì, nell'amore c'è l'innamoramento, ma non sempre nell'innamoramento c'è l'amore...

"Le lettere d'amore, se c'è l'amore, / devono essere / ridicole. // Ma dopotutto / solo coloro che non hanno / mai scritto / lettere d'amore / sono / ridicoli." Fernando Pessoa




Fabio Volo, nome d'arte di Fabio Bonetti, (Calcinate, 23 giugno 1972), è un attore, scrittore, conduttore radiofonico, conduttore televisivo e sceneggiatore italiano. Presente nei vari campi dei media italiani, ha dapprima raggiunto il successo in radio e in televisione, per poi diventare conosciuto anche nel mondo del cinema e soprattutto nel campo letterario: nel 2011 i suoi romanzi sono infatti arrivati a vendere oltre 5 milioni di copie nella sola Italia.



Ferdinand Georg Waldmüller (Vienna, 15 gennaio 1793 – Hinterbrühl, 23 agosto 1865) è stato un pittore e scrittore austriaco.
Considerato con Friedrich von Amerling il più grande ritrattista austriaco del XIX secolo.








5 commenti:

  1. Ottimo post, grazie! Vi segnalo l'appuntamento con il Trio Medusa e il Cesvi che, come ogni anno si schierano insieme a favore della lotta all’AIDS: Radio Deejay e il Trio Medusa tornano a sostenere il Cesvi organizzando un’asta solidale su http://www.charitystars.com/. Dal 10 al 18 dicembre, sarà possibile acquistare oggetti donati da personaggi famosi del mondo dello spettacolo, dello sport, del cinema partecipando così a “Fermiamo l’Aids sul nascere”: https://www.facebook.com/cesvifondazioneonlus/

    RispondiElimina
  2. Un amore è sempre meraviglioso...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'amore non è sempre meraviglioso... l'amore è solo meraviglioso, se è amore... ma l'amore è una cosa rara, l'amore, non lo si trova all'angolo di strada... è per questo che è meraviglioso, perché in un mondo dove tutti vogliono solo ciò che gli è utile, l'amore desta meraviglia perché non usa ma dona... così si distingue un amore da una passione... la passione prende da una persona solo ciò che gli serve, il bello, il facile, l'amore prende la persona con le gioie e la fatica, e questa la vera meraviglia...

      Elimina
  3. p.s. con questo non voglio dire che l'amore è tutto rose e fiori, ma che i problemi non mettono mai in discussione il sentimento. altrimenti è altro...

    RispondiElimina

Un tuo commento ci dà ragione di essere… se ci sei, batti un colpo!