google-site-verification: googlee552bc4c0d65a0b4.html

domenica 4 novembre 2012

Strofette di Prospera Paturnia di Scasazze


'e spicce 'e lasso
 sempre pe' mazzetta...



’A pressa

Comme dicite, egreggio mio signore,
ogge nun è jurnata e jate ’e pressa?
Tenite poco tiempo pe’ fa ammore
e avimma fa na cosa ampressa ampressa?

Sapite che vve dico, ’ossignuria:
’e spicce ’e llasso sempe pe’ mazzetta!
Pe’ nun perdere tiempo, arrasusia,
mentre fuite… chiuriteve ’a vrachetta…

- Prospera Paturnia di Scasazze

4 commenti:

  1. Liliana Palermo4 novembre 2012 10:56

    Gentile signora di Scasazze, lei sarà pure colma di paturnie, ma è prospera di ironia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eheh LiLy, l'ironia è un'arma potente, fa dire l'indicibile :)
      Grazie :)

      Elimina
  2. Io non amo la poesia in vernacolo, talvolta è banale e propone decotti luoghi comuni sulla napoletanità di maniera. Beh questa breve poesia che vorrebbe essere un gioco, mantiene le promesse. Fa sorridere con intelligenza ed è scritta anche con una buona tecnica.
    Raffaele Abbate

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :) si legge molto per scrivere un solo rigo... e si sorride anche di ciò che ci amareggia, ogni tanto, perché essere leggeri fa leggera la vita...

      Elimina

Un tuo commento ci dà ragione di essere… se ci sei, batti un colpo!