google-site-verification: googlee552bc4c0d65a0b4.html

mercoledì 8 gennaio 2014

"Una fontana non può far due fiumi" di Beatrice Bugelli


una fontana non può far due fiumi
Rosanne Kaloustian, Beth fountain



Una fontana non può far due fiumi;
e se li fa, non li può far correnti.
Una candela non può far due lumi;
e se li fa, non li può far lucenti .
Una campana non può far due suoni,
e se li fa non li può far sonori.

Una ragazza che ha due amatori,
tutti e due non li può far contenti.
E li può far contenti sei vuole:
uno di fatti, l'altro di parole.
E li può far contenti, se volesse:
uno di fatti, e l'altro di promesse.

- Beatrice Bugelli


Quante volte capitano situazioni del genere, capitò anche a me di essere trascurata da un fidanzato che amava stare con i piedi in due scarpe, magari anche in più di due… ma un'innamorata lo sente…
E così, quando dopo un litigio pretestuoso prese a cambiare tutte le sue abitudini, oggi si direbbe che ha cambiato tutte le password, non fu difficile capire che ero stata spesso e volentieri ingannata, e che un nuovo giocattolo richiedeva tempo e attenzioni… 



Che bel personaggio, Beatrice Bugelli. Una “pastora” ottocentesca che vive in montagna, illetterata, analfabeta, ma in grado di comporre poesie estemporanee, versi in ottave ispirati alla gente che vede, a feste popolari, alla selvaggia e meravigliosa natura toscana.

L'ottava rima è il metro usato nei cantari trecenteschi e nei poemetti del Boccaccio (Ninfale fiesolano, Filostrato,...); non è certo chi l'abbia inventato, ma il suo uso può essere rintracciato fin dal XIV sec. (Britto di Bretagna di Antonio Pucci). Diventerà poi il metro di poeti popolari, come Antonio Pucci, e colti come Franco Sacchetti che lasceranno poi al Pulci, al Boiardo, all'Ariosto e al Tasso, di elevarlo alle più alte cime. La popolarità dell'ottava riuscì in questo modo a sostituire la terzina dantesca. È ancora questo metro che sarà utilizzato dai poeti estemporanei per i loro contrasti di improvvisazione fino ai nostri giorni.

Di Rosanne Kaloustian non sono riuscita a trovare granché, oltre a questo bel dipinto, proverò più tardi con calma….

2 commenti:

  1. Brava Rosanna per quanto hai scritto e per lo studio che stai facendo, complimenti! Io invece vorrei trovare tutte le posie di Beatrice Bugelli. Sai se sono state pubblicate e se lo sono, mi puoi indicare testi ed editori? Grazie grazie! Arye'le
    aryeleserraboccara@gmail.com

    RispondiElimina
  2. Grazie Aryele, ti sciverò in privato indicazioni sull'unico libro che ho trovato e acquistato direttamente dall'editore perché in commercio non ce ne sono più. Un sorriso, Rosanna

    RispondiElimina

Un tuo commento ci dà ragione di essere… se ci sei, batti un colpo!