google-site-verification: googlee552bc4c0d65a0b4.html

domenica 25 ottobre 2015

"Stella Diana" di Carlo Faiello

Stella Diana quanno accumpariste
Miriam Liscio, Stella Diana su Napoli




S t e l l a  D i a n a


Stella Diana quanno accumparisti

Stella Diana quanno accumparisti

‘na fonte d’ acqua santa ce criasti

‘na fonte d’ acqua santa ce criasti



Comm’ arrivasti tu Rosa Amaranta

comm’ arrivasti tu Rosa Amaranta

‘na grazia ce facisti a tutti quanti

‘na grazia ce facisti a tutti quanti



           L’ acqua d’ ‘o mare addiventaje doce

           l’ acqua d’ ‘o mare addiventaje doce

           pe’ tutt’ ‘o munno se facette pace

           ……………se facette pace



           Po’ ‘n’ cielo s’ appicciaieno tre lune

           sì, ‘n’ cielo s’ appicciaieno tre lune

           nun se murette ‘e famme cchiù nisciuno

           nun se murette ‘e famme cchiù nisciuno



Che bellu suono tene ‘stu tamburo

che bellu suono tene ‘stu tamburo

nisciuno ‘o tuculea e chillo sona

nisciuno ‘o tuculea e chillo sona



Viato chi a ‘sta festa porta ‘e sciure

viato chi a ‘sta festa porta ‘e sciure

e abballa e canta ‘nziem’ ‘e sunaturi

e canta e abballa ‘nziem’ ‘e sunaturi



           L’ acqua d’ ’o mare addiventaje doce

           l’ acqua d’ ‘o mare addiventaje doce

           pe’ tutt’ ‘o munno se facette pace

           …………………….. se facette pace



           Po’ ‘n’ cielo s’ appicciajeno tre lune

            sì, ‘n’ cielo s’ appicciajeno tre lune

            nun se murette ‘e famme cchiù nisciuno

            nun se murette ‘e famme cchiù nisciuno


- Carlo Faiello


Traduzione

Stella Diana, quando comparisti


una fonte d'acqua santa ci creasti

Quando arrivasti tu, Rosa Amaranta
facesti una grazia a tutti quanti

             L'acqua del mare poi si fece dolce
             e in tutto il mondo si fece la pace

             Poi in cielo si accesero tre lune
             e non morì di fame più nessuno

Che bel suono ha questo tamburo
senza che lo si tocchi  lui già suona

Beato chi alla festa porta i fiori
e canta e balla insieme a i suonatori

...
trad. Rosanna Bazzano



La celebrazione dell'amata nei versi di Carlo Faiello, che viaggiano su ritmi e parole antiche. Le suggestioni infinite dei suoni gutturali e arcaici degli strumenti sembrano dare risalto al  primigenio splendore della donna (innamorata, figlia...) che si vuole onorare, benedicendone la nascita come evento eccezionale e provvidenziale per l'umanità intera.

"Così spegne costei tutte le belle, come 'l lume del sol tutte le stelle." - Angelo Poliziano



Carlo Faiello (Napoli, 10 ottobre 1958) è un cantautore e compositore italiano.











Nessun commento:

Posta un commento

Un tuo commento ci dà ragione di essere… se ci sei, batti un colpo!