google-site-verification: googlee552bc4c0d65a0b4.html

domenica 14 aprile 2013

"Nun è overo" di Pasquale Ruocco

Guardate dint''e vascie e fore 'e cchiese
Peppe Luongo, 'O vascio


Nun è overo

No, nun ‘e state a sentere ‘e canzone!
Chistu mare è celeste, 'o cielo è d'oro,
ma stu paese nun è sempe allero.

Nun sponta sempe ‘a luna a Marechiaro
e nun se canta e se fa sempe amore;
cheste so’ fantasie pe' furastiere.

Si vui vulite bene a stu' paese,
fermateve nu' poco dint’’ e viche,
guardate dint'’e vasc e fore 'e chiese.

Venite, assieme a me, p’’e strate antiche,
invece ‘e cammenà vicino 'o mare,
parlate cu chi soffre e chi fatica.

Quanta malincunia p’’e case scure
addò nun trase st aria 'e primavera!
Guardate quanta sante attuorno 'e mura!

Sta gente poverella crede a Dio,
patisce rassegnata e pare allera:
e chi è cecato canta "O sole mio".

N'hanno chiagnute lacreme ll'artiste:
e quante ne so' muorte int'o spitale!
Stu paese d'o sole comme è triste!

Io veco comm’ a n'ombra a ogne puntone
e penzo 'a gente ca lle manc 'o ppane…
Quanta buscie ca' diceno 'e canzone.


- Pasquale Ruocco



Questa è forse la mia poesia preferita in napoletano... 
L'apparenza inganna

Nessun commento:

Posta un commento

Un tuo commento ci dà ragione di essere… se ci sei, batti un colpo!