google-site-verification: googlee552bc4c0d65a0b4.html

domenica 22 febbraio 2015

" 'A croce " di Salvatore Pandalone

« Si sta croce ve dà pena, si vulite, m’ abbraccio i’!»
Giovanni Boldini, Lady Colin Campbell


'A croce

Donn’ Amalia Bentivoglio,
che sta arreto 'a Nunziata,
'a che ha ditto :«Si’,'o voglio»,
p’ ’o marito è na dannata;
nu diavulo 'ngunnella..
Mamma bella!
Mo vò 'a vesta, mo 'o sciucquaglio,
mo nu paro 'e stivalette,
mo lle manca nu ventaglio,
mo 'e mmutande, mo 'e ccazette,
mo lle manca..ah, poco steva
ca 'o diceva !

E 'onn’ Amalia Bentivoglio
nu è una 'e chelli tante…
Quanno ha ditto chella :« Voglio!»,
bellu mio, nun ce so’ Sante..
si 'a cuntiente e nun te lagne,
ce guadagne!

Ma, po, p’ essere sincero,
for’ ’a chesta fantasia,
donn’ Amalia conta zero.
P’ ’onestà? Se magna 'a via..
e te porta 'o munno sano
'nchiant’ ’e mano.

E chi 'a sape e se ne 'ntenne
che significa bellezza,
tra 'e caruofene d’ ’e nenne,
p’ ’o prufilo e p’ ’a ducezza
ha dda ddì chest’ è na fata
sistimata!

Chesta è 'a belle 'e tutt’ ’e bbelle
e p’ ’a grazia ne vò mille..
So’ ddoje rose 'e llabbruzzelle,
file d’oro so’ 'e capille
e chill’uocchie mariuole..
ragge 'e sole!

Ma 'o marito cu cchi parla,
nun se tene d’aizà 'a voce…
e nun fa che rusecarla,
cundicenno ca è na croce
che 'o Signore ll’ha mannato…

Che sfurcato!!

Quacche ghiuorno ca sto ’e vena,
ll’aggia dicere accussì :
« Si sta croce ve dà pena,
si vulite, m’ abbraccio i’!»

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Voglio sentere 'o 
'nfelice..
che mme dice !!

- Salvatore Pandalone


L'obiettività difetta in molti, e poiché si dice che "dal proprio cuor l'altrui misura", spesso si commettono atti che sono vere infamie e si ha l'ardire di addossarle a coloro che meriterebbero invece le più sentite scuse.
Perché chi si abitua ad essere trattato da re si convince di esserlo, dimenticando che è il popolo a fare il re.
Così, lo spazientito spettatore, che si accorge non solo della palese ingiustizia ma anche delle notevoli qualità, della tanto denigrata donna Amalia, si offre provocatoriamente di togliere dai guai l'ingiusto e incontentabile marito.

"Gli uomini ingrati: che il Signore li abbia in gloria!" Rosanna Bazzano


Salvatore Pandalone 

Nacque a Napoli il 28 Settembre 1877, fu considerato uno dei “papà” dei poeti napoletani.
Seppe illustrare mirabilmente Napoli nei vicoli, nelle piazze, nei sobborghi, nelle colonne del “Roma” e di altri quotidiani sui quali collaborava.
Pubblicò, tra l’altro, una collana di sonetti, e scrisse innumerevoli opere teatrali.
Ricca la bibliografia che lo riguarda.



(Note biografiche da Partecipiamo.it a cura di Luciano Somma)





Giovanni Boldini (Ferrara, 31 dicembre 1842 – Parigi, 11 gennaio 1931) è stato un pittore italiano.

« Per quanto superficiale e pieno di lenocini divenisse il suo lavoro, Boldini fu capace di trasmettere nello spettatore la gioia ispiratagli dalle assurdità che ritraeva. Anche il più insopportabile dei suoi ritratti rivela un immenso divertimento. »
(Cecil Beaton, The Glass of Fashion, 1955)

2 commenti:

  1. Sebastiano Prudente22 febbraio 2015 11:20

    'E ffemmene comme a 'onna Amalia portano pene antiche e l' avessemo annasconnere dint' 'o core pecché doppo quanno 'e perdimmo ... che malincunia!

    RispondiElimina

Un tuo commento ci dà ragione di essere… se ci sei, batti un colpo!