google-site-verification: googlee552bc4c0d65a0b4.html

mercoledì 16 gennaio 2013

Le parole di Anne Sexton

io sono innamorata delle parole... ma spesso non mi bastano

Le parole

Siate cauti con le parole,
anche con quelle miracolose.
Per le miracolose facciamo del nostro meglio,
a volte sciamano come insetti
e non lasciano una puntura ma un bacio.
Possono essere buone come dita.
Possono essere sicure come la roccia
su cui incolli il culo.

Ma possono essere margherite e ferite.
Io sono innamorata delle parole.
Sono colombe che cadono dal tetto.
Sono sei arance sacre sedute sul mio grembo.
Sono gli alberi, le gambe dell’estate,
e il sole, il suo volto appassionato.

Ma spesso non mi bastano.
Ci sono così tante cose che voglio dire,
tante storie, immagini, proverbi, ecc.

Ma le parole non sono abbastanza buone,
quelle sbagliate mi baciano.
A volte volo come un’aquila
ma con le ali di un passero.

Ma cerco di averne cura
e di essere gentile con loro.
Le parole e le uova devono essere maneggiate con cura.
Una volta rotte sono cose impossibili da aggiustare.

- Anne Sexton

Una parola buona riesce ad arrivare dove una cattiva non può sperare...


Anne Sexton (Newton, 9 novembre 1928 – Weston, 4 ottobre 1974) è stata una scrittrice e poetessa statunitense.
Frequentò un corso di poesia insieme a Sylvia Plath, tenuto da Robert Lowell nel 1957.
Sylvia e Anne restarono amiche e alcuni pettegolezzi le ritraggono amanti. 
Questa relazione è allusa nella poesia Sylvia's Death  scritta dopo il suicidio della Plath.
Ha vinto il Premio Pulitzer per la poesia nel 1967. 
I temi della sua poesia sono le sue tendenze suicide, lunga battaglia contro la depressione e vari dettagli intimi della sua vita privata, compresi i suoi rapporti con il marito e i figli.
Morì suicida a 46 anni. 


3 commenti:

  1. Riccardo Duranti16 gennaio 2013 09:17

    Ma tecnicamente queste non sono le parole della Sexton, bensì di chi l'ha tradotta...
    Invece di concentrarsi sui pettegolezzi, fa' ricerche più approfondite e metti anche l'originale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. rosanna bazzano16 gennaio 2013 09:25

      La tua eccezione non da una piega ma io non ho tanto tempo per farlo... mi daresti una mano tu che sei un attento e bravissimo traduttore nonché profondo conoscitore dei potrei di lingua inglese?

      Elimina
    2. scrivere col cellulare è un caos...
      errata corrige:
      - non fa una piega
      - profondo conoscitore dei poeti di lingua inglese.

      p.s. quando una poesia la trovo sul web quasi mai viene citato il traduttore, purtoppo perché è ovvio che ciò che ci arriva del poeta sono le parole del suo traduttore che interpreta la poesia...
      per la poesia di cumming di l'altro ieri, presa da un mio libro, ovvio il problema non si è posto e ho potuto citarlo...

      sulla mia bacheca facebook nei giorni scorsi, ieri o l'altro ieri , annotavo proprio la stessa problematica evidenziando appunto che per tradurre la poesia ci vuole un poeta...

      Elimina

Un tuo commento ci dà ragione di essere… se ci sei, batti un colpo!