google-site-verification: googlee552bc4c0d65a0b4.html

lunedì 28 gennaio 2013

"Ode alla gelosia" di Saffo



sull'istante manca la voce

Ode alla gelosia

mi sembra che sia simile ad un dio
quell'uomo che ti sta seduto a fronte
e che ti ascolta tanto da vicino,
voce soave,

riso d'amore dolce sorridente;
e questo mi sconvolge il cuore in petto:
non appena ti guardo, sull'istante
manca la voce,

la lingua mi si spezza; per le membra
fuoco sottile corre all'improvviso,
nulla più vedo e sento nelle orecchie
rombare il sangue;

freddo sudore tutta mi pervade,
un tremito mi prende e più dell'erba
divento verde; e sento in me che sono
già quasi morta;

ma tutto è tollerabile...

- Saffo


Io invece credo che soffrire di gelosia non sempre è tollerabile anzi... è tutto così difficile



Saffo, in greco Σαπφώ, Sapphó (Ereso, 640 a.C. circa – Leucade, 570 a.C. circa), è stata una poetessa greca antica vissuta tra il VII e il VI secolo a.C.. Di famiglia aristocratica, nacque a Mitilene, nell'isola di Lesbo, dove trascorse la maggior parte della propria vita.
Non si conoscono né la data della sua morte (anche se da un suo componimento[1] si può desumere che abbia raggiunto la tarda età), né le circostanze in cui avvenne. Dato leggendario, ripreso dagli antichi commediografi, è che si sia gettata da un faro sull'isola di Lefkada, vicino alla spiaggia di Porto Katsiki, per l'amore non corrisposto verso il giovane battelliere Faone, che in realtà è un personaggio mitologico. Tale versione è ripresa anche da Ovidio, nelle Eroidi, e da Giacomo Leopardi (Ultimo canto di Saffo).

***********
"Come geloso, io soffro quattro volte: perché sono geloso, perché mi rimprovero di esserlo, perché temo che la mia gelosia finisca col ferire l'altro, perché mi lascio soggiogare da una banalità: soffro di essere escluso, di essere aggressivo, di essere pazzo e di essere come tutti gli altri."
Roland Barthes, Frammenti di un discorso amoroso, 1977


4 commenti:

  1. Ti segnalo, a proposito di questa splendida composizione di saffo, la canzone fatta da Branduardi. Il titolo è Ille mi par esse deo. Molto bella, un assoluto capolavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rosanna Bazzano28 gennaio 2013 15:58

      Grazie, .... manca il tuo nome....

      Elimina
  2. ....Ottimo, magari si sviluppassero ulteriori partecipazioni, come omaggio " O Muse....or m'aiutate....!

    RispondiElimina

Un tuo commento ci dà ragione di essere… se ci sei, batti un colpo!