google-site-verification: googlee552bc4c0d65a0b4.html

domenica 17 maggio 2015

"Bella ca tiene 'o core 'e na birbante" di Salvatore Pandalone

bella ca tiene 'o core 'e na birbante
Delphin Enjolras, Young women



Bella ca tiene 'o core 'e na birbante


Bella ca tiene 'o core 'e na birbante,

pe me 'nguajà me miette mille punte,

vurria sapè, quanno lle staje annante

ô cunfessore tujo, tu che lle cunte...


E si te spia 'e me, fedele amante,

ca mmiez’ a mille pene m’ ammatunte,

si nun cuffie a Dio e pure ê Sante,

p’avè 'assoluzzione comm’ ’a spunte ??


- Salvatore Pandalone


Traduzione

Bella col cuore amaro di  monella

per rovinarmi trovi mille punti

vorrei sapere quando vai in cappella

al confessore cosa gli racconti...



E se parli di me, fedele amante,

che in mezzo a mille pene mi tormenti

se tu non menti a Dio e a tutti i santi

per farti perdonare  cosa inventi??


Traduzione di Rosanna Bazzano



Le donne, inferno per gli uomini che non sanno conquistarle, paradiso per quelli che sanno amarle...


"Il vero smacco non è nel fallire a conquistare un cuore, ma nel perderne uno che era già nelle nostre mani" - Rosanna Bazzano



Salvatore Pandalone
Nacque a Napoli il 28 Settembre 1877, fu considerato uno dei “papà” dei poeti napoletani.
Seppe illustrare mirabilmente Napoli nei vicoli, nelle piazze, nei sobborghi, nelle colonne del “Roma” e di altri quotidiani sui quali collaborava.
Pubblicò, tra l’altro, una collana di sonetti, e scrisse innumerevoli opere teatrali.
Ricca la bibliografia che lo riguarda.
 



Delphin Enjolras (1857 -1945 Coucouron TOULOUSE) è stato un francese pittore accademico . Enjolras dipinse ritratti, nudi, interni, e utilizzato soprattutto acquerelli , oli e pastelli . Egli è meglio conosciuto per i suoi ritratti intimi di donne giovani che svolgono attività mondane come la lettura o cucire, spesso illuminati dalla luce della lampada. Forse la sua opera più famosa è la "donna giovane Lettura da una finestra".

4 commenti:

  1. E' simpaticamente irrispettosa della donna con la quale s'intrattiene il soggetto dela poesia.
    Ma consentimi un'osservazione cara Rosanna, la tua traduzione non mi pare fedelissima al testo. Forse per rendere scorrevole il testo ti sei concessa qualche licenza in più che falsa un pochino in certi punti l'originale.
    Un abbraccio e a presto leggere i tuoi nuovi lavori...
    Sandro Ferrara

    RispondiElimina
  2. Carissimo, come ti dicevo su fb, si, certamente... ci vuole un poeta per tradurre la poesia perché il poeta ha a cuore la musica oltre che il testo, le mie traduzioni sono sempre riscritture, perché chi legge goda della musica, senza la quale la poesia diventa mera prosa... e in napoletano l'effetto è accentuato senz'altro... Un abbraccio, e grazie per la tua attenta partecipazione!!!

    RispondiElimina
  3. Sebastiano Prudente17 maggio 2015 11:40

    Ma d' 'e pparole cchiù carnale e doce,
    ne sceglio sulo tre: "Te voglio bene..."
    Bella, 'int' 'o core tujo sacc'io chi tiene...
    chi sta int' 'o core mio saje pure tu... (E. Murolo)

    Ho voluto ricordare questi versi pecché nunn'è sempe ovèro ca 'e femmene teneno "'o core 'e birbante" 'a femmena quanno à scigliuto à scigliuto e nun ce stà niente 'a fà, nisciuno cchiù po' trasì dint'a 'o core sujo.
    I' mo vaco a sentimento nun songo n'interprete o nu commentatore ma crero sia attinente con i versi da te proposti che narrano lo struggimento di un amante di fronte "'e mille punte" ca lle mette annanza ll'amante pe le 'nguaià... ma nunnè accussì. :)

    RispondiElimina
  4. Carissimo, hai proprio centrato l'argomento!
    Se una donna si innamora è uno zucchero!
    Ma se smetti di curarla, e per lei l'amore che vi lega, è come una pianta senz'acqua... avvizzisce...
    Le piante come le donne hanno bisogno di essere curate...

    Grazie sempre della tua partecipazione!

    RispondiElimina

Un tuo commento ci dà ragione di essere… se ci sei, batti un colpo!